vai alla home page vai alle monografie Vai alle legende Via alla storia via ai documenti vai alle foto vai ai links

HENRY CHADWICK - INVENTORE DEL BOX SCORE
5/10/1824 Exeter (GB) - 20/04/1908 Brooklyn, New York (U.S.A.);
Statistico e storico del baseball

Nato in Inghilterra, e cresciuto con il cricket, Chadwick è stato uno dei primi promotori nel portare il baseball alla sua popolarità senza precedenti, verso la svolta del ventesimo secolo. Appassionato di statistica e scrittore professionista, ha contribuito a scolpire la percezione del gioco da parte del pubblico, così come ha gettato le basi per la realizzazione delle statistiche di squadre e giocatori.

Ha scritto "The Beadle Baseball Player", la prima guida di baseball in pubblica vendita, che insieme alla Spalding e Reach, sono state le guide annuali per molti anni, ed in questo modo ha compiuto una azione promotrice del gioco ed ha influenzato l'allora nascente disciplina del giornalismo sportivo. Ha inoltre fatto parte della commissione sulle regole del baseball ed ha quindi egli stesso influenzato il gioco.

Nel 1867 ha accompagnato il National Base Ball Club di Washington DC nel suo tour nazionale di inaugurazione, come loro classificatore ufficiale e nel 1874 fu organizzatore logistico per un tour simile in Inghilterra, che includeva partite sia di baseball che di cricket. Nella sua figura di giornalista, promosse una campagna informativa sugli effetti dannosi di alcol e gioco d'azzardo. Fu lui il primo a dimostrare che la rotazione impartita alla palla nel lancio può causare una curva. La dimostrazione avvenne al Capitoline Park a Brooklyn, quando, su sua richiesta, due paletti furono messi a 20 piedi l'uno dall'altro sulla linea tra il lanciatore e il box di battuta. Il lanciatore Fred Goldsmith lanciò una palla che passò a destra del primo paletto ed a sinistra del secondo.

La leggenda, attribuisce a Abner Doubleday, un generale dell'esercito dell'Unione durante la Guerra Civile Americana, il titolo di Padre del Baseball. In realtà le origini del Baseball, vanno ricercate in un antico gioco inglese e tuttora giocato, chiamato "Rounders" (le prime notizie di questo gioco, risalgono al 1744). Malgrado l'amicizia con Albert Spalding, sostenitore della leggenda, Chadwick non fu d'accordo con i tentativi di far passare Abner Doubleday come inventore del baseball: "Ha buone intenzioni", disse Chadwick, "ma non lo sa".

Si ritiene che H.Chadwick sia stato l'ideatore del foglio di score (adattato dal foglio score di cricket) per riportare le azioni di gioco e di aver escogitato statistiche come la media battuta e la media dei punti guadagnati sul lanciatore.

La seguente descrizione di una partita è stata scritta da Chadwick e appare nei suoi "Baseball Memoranda". È nel suo tipico stile giornalistico, ed in quello del suo tempo:

Un torneo di Base Ball si è tenuto a Chicago il 4 luglio 1867; i contendenti sono stati gli Excelsior di quella città e i Forest City Club di Rockford. I primi hanno battuto i nove di Forest City in due gare, con lo stretto punteggio di 45-41 in una e 28-25 nell'altra, quando il Forest City è stato invitato ad incontrare i Nationals a Chicago il 25 luglio, il giorno che indicherà i migliori del tour. La contesa si terrà in Dexter Park, davanti a una numerosa folla di spettatori, la maggior parte dei quali si aspettano di vedere i National fare una passeggiata. Nella partita, A.G.Spalding ha lanciato e Ross Barnes era l'interbase per i nove di Forest City; questi due in seguito sono divenuti famosi come stelle della squadra professionistica di Boston nei primi anni '70. Per i Nationals, Williams era lanciatore e Frank Norton ricevitore. I National sono stati in vantaggio nei primi inning per 3 a 2; ma nei due inning seguenti hanno aggiunto cinque punti al loro punteggio, mentre i Forest ne hanno aggiunti tredici al loro, prendendo perciò il comando con un punteggio di 15 a 8, con grande sorpresa della folla locale e tra la contentezza del pubblico di Rockford. I National hanno duramente tentato di recuperare il terreno perduto. Il risultato finale, comunque, è stato il successo dei Forest per 29 a 23 in nove inning, due volte interrotti per pioggia.

Nel 1909 un monumento gli è stato eretto nel Cimitero di Green-Wood a Brooklyn; nella targa viene chiamato "il padre del baseball". Per il suo contributo, è stato incluso nella U.S. Baseball Hall of Fame dalla Commissione dei Veterani nel 1938.