Autore Topic: Singoli interni  (Letto 15149 volte)

beccio29

  • Utente
  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 14
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #15 il: 21 Maggio 2011, 19:19:39 »
OK Marco, chiaro e conciso come sempre
grazie

Taxi_babbo

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 27
  • Karma: 1
Re: Singoli interni
« Risposta #16 il: 24 Maggio 2011, 11:49:46 »
Continuo nel thread dei singoli interni per un dubbio che mi e' venuto guardando la MLB l'altra sera.

http://mlb.mlb.com/video/play.jsp?content_id=15021895&topic_id=11493214&c_id=mlb

Avrei fatto bene se:

1) avessi registrato: simbolo_del_singolo-3B, nel caso accaduto
2) 3B nel cerchietto se la toccata ci fosse stata
3) BLV3 nel cerchietto, se l'arbitro avesse considerato l'uscita dalla corsia eliminando il battitore-corridore?

Premesso che il giudizio spetta all'arbitro, ma non doveva essere chiamato il caso 3? Quando scatta il BLV?

Grazie e ciao

marco13

  • Ufficiali
  • Utente junior
  • **
  • Post: 91
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #17 il: 24 Maggio 2011, 13:23:30 »
Che bella azione e, soprattuto vista la situazione della gara, coraggiosa.

1) Si, è la registrazione corretta;
2) Si, non sarebbe stato un SH;
3) Quasi, BLV3B è la giusta registrazione.

Citazione
Premesso che il giudizio spetta all'arbitro, ma non doveva essere chiamato il caso 3? Quando scatta il BLV?

Questo andrebbe chiesto ad un arbitro  ;)
Credo che l'allontanamento dalla corsia debba essere molto evidente e con lo scopo di evitare la toccata. In questo caso il corrdiore non ha modificato in maniera sostanziale la sua traiettoria, ha solo alzato il braccio e spostato il bacino, anche se il piede è fuori dalla corsia. Sia l'arbitro capo che quello di prima sono ben piazzati, guardano il corridore e non hanno nessuna esitazione nella chiamata. Tra l'altro nessuno protesta.

In questo esempio http://mlb.mlb.com/video/play.jsp?content_id=6256159 si vede meglio ciò che intendo quando dico "molto evidente" e comuque l'arbitro non lo chiama, probabilmente perché è l'ultimo out senza altri corridori in base ed il corridore non ha via di scampo. Credo che in una situazione di gioco diversa, l'arbitro avrebbe chiamato subito out il corridore.
Marco Travagli

Taxi_babbo

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 27
  • Karma: 1
Re: Singoli interni
« Risposta #18 il: 25 Maggio 2011, 10:17:16 »
Che bella azione e, soprattuto vista la situazione della gara, coraggiosa.

Verissimo. E' la stessa cosa che ho pensato io, 4 a 4 alla fine dell'ottavo, due eliminati, prima e terza occupata, il pubblico in fiamme, tu sei alla tua prima presenza alla battuta in MLB, e ti inventi "una giochessa" del genere!!! Chapeau.

Citazione
3) Quasi, BLV3B è la giusta registrazione.

Verissimo anche questo. Grazie della precisazione. Dovevo indicare che c'era stata una smorzata.

microtal

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 37
  • Karma: 1
Re: Singoli interni
« Risposta #19 il: 04 Luglio 2011, 09:48:28 »
Segnalo l'azione occorsa nella partita SFG@DET di Domenica 2 Luglio, bottom 7°, 5° AB, che a me sembra molto simile al numero 1 della serie degli infield single proposti. Non ho trovato un video specifico di questa azione per cui devo rimandarvi al condensed game http://mlb.mlb.com/video/play.jsp?content_id=16575227 12:18

La differenza fra le due azioni è nella presa del terza base, in questo caso molto meno complicata. L'azione poi procede in modo molto simile con la palla che rimbalza vicino al prima base il quale perde la palla e non completa l'eliminazione. La valutazione del classificatore è: Brennan Boesch reaches on throwing error by third baseman Miguel Tejada.

Mauro Bracalari
Classificatore - Roma

marco13

  • Ufficiali
  • Utente junior
  • **
  • Post: 91
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #20 il: 04 Luglio 2011, 10:22:19 »
La differenza fra le due azioni è nella presa del terza base, in questo caso molto meno complicata.

Esatto, questo è lo sforzo ordinario del terza base. Giusta la chiamata del classificatore in applicazione della regola 10.12 (a)(1) Commento:" ...  Se  un  tiro  è  basso,  laterale  o  alto,  o  colpisce  il terreno e un corridore raggiunge una base ma sarebbe stato out su quel tiro, il classificatore ufficiale addebiterà al giocatore che effettua il tiro un errore..."

P.S.: Replay spettacolare.
Marco Travagli

microtal

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 37
  • Karma: 1
Re: Singoli interni
« Risposta #21 il: 08 Luglio 2011, 08:42:30 »
Ieri sera, gio 7/7, ho assistito alla partita Blogna@Nettuno in tv e proprio nella parte basse del primo inning si è riproposto un altro caso di singolo interno. Con Caradonna in seconda e 2 eliminati Mazzanti batte una forte rimbalzante sulla linea di foul sinistro. Il 3B opera una presa (difficoltosa a mio avviso) ed assiste in prima. Il prima base, allungatosi fino a cadere, non riesce a trattenere la palla, che casca a terra. Poi la raccoglie a mano nuda, ma Mazzanti è già arrivato salvo. Caradonna, già salvo in terza ed avanzato oltre il cuscino, torna indietro.  L'azione sembra esaurita, ma il prima base, invece di chiamare tempo o alzarsi per controllare il gioco a casa, si volta verso l'arbitro di prima sollevano la palla (ed invocando l'out presumo). Ciò fornisce a Caradonna l'opportunità di correre a base e segnare il primo punto per il Nettuno.
Questo mio resoconto purtroppo non è suffragato da adeguati replay di Rai Sport e quindi potrei aver tralasciato particolari importanti o averne travisati altri. Deve essere senza dubbio così perchè la calssifica è stata la seguente:

MAZZANTI singled to third base (0-0); CARADONNA advanced to third, scored on a throwing error by 3b, unearned.

Personalmente sono d'accordo sull'attribuzione del singolo a Mazzanti, mentre, in base alla mia ricostruzione, non concordo sull'errore di tiro del 3B: Caradonna avanza a casa quando la palla è in mano al 1B. Proprio non capisco.
Mauro Bracalari
Classificatore - Roma

Imperiali Maurizio

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 14
  • Karma: 0
  • piano piano arrivo
Re: Singoli interni
« Risposta #22 il: 09 Luglio 2011, 11:52:04 »
ciao, credo che con il prima base in piedi e la palla in mano nessun uomo in terza sarebbe partito per casa, in realtà Caradanna è partito ( contemporaneamente all' invito del coach)  quando l'arbitro ha indicato la palla in terra, e quanto il prima base si è alzato e ha guardato casa il corridorre era a 2 metri dal piatto, questo è quello che mi ha indotto ad assegnare l'avanzamento per errore di tirro, ma............vi è sempre un ma

marco13

  • Ufficiali
  • Utente junior
  • **
  • Post: 91
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #23 il: 09 Luglio 2011, 14:14:26 »
Proprio non capisco.

Credo che nessuno meglio di Maurizio possa risponderti, visto che lui era il C.U. della gara.
Marco Travagli

Alex

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 12
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #24 il: 09 Luglio 2011, 15:58:56 »
ma............vi è sempre un ma

Quale ma...? A cosa ti riferisci?

Imperiali Maurizio

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 14
  • Karma: 0
  • piano piano arrivo
Re: Singoli interni
« Risposta #25 il: 10 Luglio 2011, 08:06:12 »
ei.......dai...un po di...... ogni umano giudizio è opinabile , anche applicando 1 milione di regole due persone un bicchire lo possono vedere mezzo pieno o mezzo vuoto . noi cerchieamo ( come si evince da questo forum) di avvicinarci alla perfezione nel giudizio , ma .... vi è sempre un ma......
buon caldo a tutti

Alex

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 12
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #26 il: 10 Luglio 2011, 15:42:02 »
ei.......dai...un po di...... ogni umano giudizio è opinabile , anche applicando 1 milione di regole due persone un bicchire lo possono vedere mezzo pieno o mezzo vuoto . noi cerchieamo ( come si evince da questo forum) di avvicinarci alla perfezione nel giudizio , ma .... vi è sempre un ma......
buon caldo a tutti

Scusa, non volevo certo intendere che il giudizio era errato; anzi, dalla tua esposizione avrei dato lo stesso giudizio. Solo che dalla TV sembrava che il corridore fosse partito sulla protesta del 1B (non credo che ci sia qualcuno che parte dalla terza base con il difensore a terra e la palla in mano. Sarebbe comunque un rischio...); ma se è partito già prima condivido pienamente l'avanzamento su errore.
« Ultima modifica: 11 Luglio 2011, 12:34:54 da Alex »

microtal

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 37
  • Karma: 1
Re: Singoli interni
« Risposta #27 il: 11 Luglio 2011, 14:24:43 »
Come dicevo nel mio intervento precedente non ero molto sicuro del mio resoconto basato sulle immagini (e i commenti) della TV. La vera successione degli eventi, diversa in punti essenziali dalla mia, dà completamente ragione al CU. 

Comunque questa era la parte incidentale, a me premeva soprattutto, visto l'oggetto della discussione, mettere in rilevo la corretta chiamata della valida attribuita a Mazzanti.
Mauro Bracalari
Classificatore - Roma

marco13

  • Ufficiali
  • Utente junior
  • **
  • Post: 91
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #28 il: 30 Novembre 2011, 17:59:52 »
In riferimento al video 1, di cui riporto il link per comodità http://mlb.mlb.com/video/play.jsp?content_id=14096061, navigando nella rete mi sono imbattuto nell'intervista fatta al classificatore della partita di cui sopra.
La riporto di seguito perché mi sembra interessante:

10 Domande: Ron Kleinfelter
http://www.toledoblade.com/Pro/2011/05/01/10-Questions-Ron-Kleinfelter.html

Ron Kleinfelter fa uno dei lavori più duri nel baseball. Nato a Perrysburg serve come classificatore ufficiale sia per i Detroit Tigers che per i Toledo Mud Hens. A Kleinfelter viene chiesto di determinare se le azioni sono valide o errori, se i punti sono guadagnati oppure no, così come una varietà di altre responsabilità. Kleinfelter era il classificatore ufficiale a Detroit il 23 aprile, quando il lanciatore dei Tiger Brad Penny ha perso la sua possibilità di lanciare una no-hitter, quando Brent Morel dei Chicago White Sox ha battuto una rimbalzante lungo la linea di terza nel quinto (in realtà era il sesto).

Quali sono le ragioni con le quali hai stabilito che la battuta di Morel era valida?
Ho applicatolo standard di sforzo ordinario come definite nel Regolamento Ufficiale del Baseball, in cui si afferma che è lo sforzo di un difensore di abilità media in quella posizione nel campionato che dovrebbe esibire nel gioco. A mio parere ci vorrebbe uno sforzo straordinario di Brandon Inge – o di qualsiasi altro terza base nel campionato – per eseguire l'azione ottenendo un out. Siccome non lo ha ottenuto, ho registrato valida.

Molte persone vogliono che la prima valida di una partita sia una valida “pulita”. Sei d’accordo con questo?
Capisco questa prospettiva, e come classificatore ufficiale, preferisco sicuramente che la prima valida sia “pulita”, ma non c’è nulla nel regolamento che dica che la prima valida debba essere una valida “pulita”. Ci sono delle linee guida per le valide e delle linee guida per gli errori e una spiegazione di sforzo ordinario. E’ compito del classificatore ufficiale applicare questi orientamenti nel determinare se si tratta di valida o errore, indipendentemente dalla situazione di gioco.

Parli con i giocatori o con i tecnici circa le decisioni di classificazione?
Qualche volta, se non c’è un buon replay, o ci può essere una domanda riguardo la situazione, come un cattivo rimbalzo della palla o una palla persa nelle luci, posso consultarmi con un giocatore, tecnico, o arbitro. Non succede spesso però.

Pensi che giocatori e tecnici capiscano il lavoro del classificatore ufficiale?
Per la maggior parte si. Ognuno ha le proprie opinioni, e quando sono presentate in modo rispettoso e professionale, tutto va bene. Penso che loro capiscano che uno degli aspetti più difficili del lavoro del classificatore sia l’applicazione di un giudizio, la conoscenza delle regole e prendere una decisione. Succedono molte azioni dove se chiedi a 10 persone, la metà di loro la pensa in un modo e l’altra metà in un altro.

Pensi che il pubblico capisca il lavoro?
Mi piace pensare di si, ma quando sei tifoso di una squadra particolare, a volte è difficile separare la parte emotiva dalla comprensione della decisione presa dal classificatore ufficiale. E’ una responsabilità del classificatore ufficiale essere imparziale quando si prendono decisioni.

Quale tipo di azione è più difficile per un classificatore ufficiale?
Ci sono un paio di azioni che possono essere difficili. Naturalmente le azioni che potrebbero andare in “entrambi i modi” sono difficili, ma è compito del classificatore applicare le regole e gli standards  e fare una valutazione. Inoltre a volte è molto difficile individuare un cattivo rimbalzo anche guardando il replay. Ci sono anche azioni in cui si vorrebbe dare errore ma non si può, come quando due difensori si fermano e il pop cade tra loro. Sui giochi difficili spesso cerco l’opinione degli altri che stanno lavorando nella sala stampa.

Come sei diventato il classificatore ufficiale dei Tigers?
Ho iniziato nelle leghe minori con le Mud Hens nel 1999. Sono ancora nel roster dei classificatori per le Hens. Nel 2005, i Tigers avevano bisogno di un altro classificatore (a loro piace una rotazione di tre), e sono stato contattato per il posto. Attualmente ci sono tre classificatori a Detroit approvati dalla Major League Baseball: io, Chuck Klonke e Dan Marowski. A Toledo, i classificatori approvati dalla International League sono io, Guy Lammers, Jeff Businger, e John Malkowski.

Come ti sei preparato per il lavoro?
Ho avuto una grande formazione per le Major Leagues lavorando come classificatore per le Hens. Quando ho iniziato con le Hens ero affiancato con il classificatore stabilito (Guy Lammers) per un periodo, prima che mi fosse permesso di andare da solo. Seguiamo ancora la stessa procedura per i nuovi classificatori di oggi. Quando ho iniziato con i Tigers, ho fatto lo stesso affiancamento con il classificatore stabilito, prima di andare da solo. Per quanto riguarda le qualifiche per essere un classificatore è necessario avere conoscenza delle regole e della complessità del gioco ed essere in grado di classificare sulla carta in modo dettagliato. Devi anche avere un alto livello di concentrazione durante il gioco. Molte persone sono scioccate da quanto rigorosamente dobbiamo guardare la partita e tenere traccia praticamente di tutto quello che succede.

Quali sono le parti miglior del tuo lavoro?
Essere pagati per guardare il baseball è molto carino. Le sospensioni per la pioggia non lo sono.

Guardi le partite in modo diverso ora che sei un classificatore ufficiale?
Lo faccio nel senso che guardo con un elevato livello di concentrazione sia a casa in TV, che allo stadio come un tifoso. Conservo ancora il ruolino di praticamente ogni partita vista di persona, che è qualcosa che ho intenzione di insegnare a mio figlio di otto anni, quando sarà pronto. Classificare è il modo migliore per stare in partita, e una cosa che desidero è vederlo fare a più tifosi alle partite.

John Wagner
« Ultima modifica: 30 Novembre 2011, 18:26:09 da marco13 »
Marco Travagli

Cri1403

  • Ufficiali
  • Nuovo arrivato
  • **
  • Post: 16
  • Karma: 0
Re: Singoli interni
« Risposta #29 il: 30 Novembre 2011, 22:04:02 »
Bella!
A parte i replay,  che noi non abbiamo quasi mai, è tutto uguale.
Soprattutto la parte in cui dice che a volte anche noi vorremmo dare errore e non possiamo... :)
E mi piace anche che chieda agli altri della sala stampa, come hanno visto un gioco.
Conosco un classificatore che dice sempre "voi dite quello che pensate, poi la decisione la prendo io"...
Credo che il confronto sia fondamentale, e odio andare a classificare da sola.
... Fortuna che a Grosseto siamo proprio un gran bel gruppo...

:)